Civita di Bagnoregio, la città che non muore più

La meraviglia di Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio, la città che muore. Così l’aveva descritta lo scrittore Bonaventura Tecchi.

La fiaba del paese che muore – del paese che sta attaccato alla vita in mezzo a un coro lunare di calanchi silenziosi e splendenti, e ha dietro le spalle la catena dei monti azzurri dell’Umbria – durerà ancora

Bonaventura Tecchi

Perché da sempre vive con questo senso di fragilità e precarietà a causa del territorio in cui si trova. Civita di Bagnoregio si erge infatti su uno sperone di tufo in mezzo alla meravigliosa Valle dei Calanchi, formati da millenni di erosioni.

Uno spettacolo naturale che ci è stato regalato dal vento e dalla pioggia.

I banchi d’argilla che la sorreggono sono stati soggetti da sempre all’erosione. Tanto che Civita, fondata dagli etruschi ben 2500 anni fa, già a metà Ottocento venne quasi del tutto abbandonata dai suo abitanti che si trasferirono nella vicina Bagnoregio. Nel corso della storia si sono dovuti sempre trovare percorsi alternativi per raggiungerla come il “Bucaione”, tunnel scavato nella roccia.

Negli anni anche i terremoti e le bombe delle guerre hanno minato il territorio già fragile finché non rimase del tutto isolata a causa della frana dell’unica strada. È stato possibile raggiungerla nuovamente solo nel 1965 con la costruzione di un ponte pedonale di cemento armato lungo 200 metri. Ad ora ci vivono solo 8 persone.

Ma Civita di Bagnoregio non è più la città che muore perché oggi è uno dei Borghi più belli d’Italia che attira migliaia di visitatori da tutto il mondo.

Grazie anche ai tanti artisti che l’hanno amata ed ammirata.

Civita è stata un set cinematografico più volte. Per il capolavoro di Fellini “La strada” e per “L’uomo delle stelle” di Bernardo Bertolucci. Così come per le più recenti fiction Pinocchio e “Il nome della rosa” dove Civita è Pietranera. E i registi l’hanno amata a tal punto da portare spesso lì le loro famiglie durante la lavorazione dei film. Così che i vicoli del borgo furono riabitati dai loro bambini che correvano e giocavano.

Il regista premio Oscar Hayao Miyazaki, maestro indiscusso dell’animazione giapponese, pare abbia dichiarato in un’intervista di aver preso spunto per il suo “Laputa – Castello nel cielo”, uno dei suoi meravigliosi film d’animazione, anche da Civita. In effetti, il suo castello nel cielo, la ricorda moltissimo. Questo sarebbe proprio il motivo dell’arrivo di tantissimi turisti dall’oriente.

Quando venne lanciata la petizione per candidarla a Patrimonio dell’Unesco, fra le tante adesioni comparivano i nomi di Giuseppe Tornatore, Bernardo Bertolucci, Umberto Eco, Ennio Morricone, Andrea Camilleri e tanti altri.

E l’arte continua a girare intorno a Civita di Bagnoregio. Negli ultimi anni è nata la “Casa d’artista” patrocinata da Airbnb, che l’ha scelta per prima per il suo progetto “Borghi italiani”, nato per far conoscere ai turisti stranieri la bellezza dei nostri borghi. Il progetto consisteva nella riqualificazione di tre borghi italiani nei quali realizzare appartamenti da affittare sul noto portale il cui ricavato va interamente in beneficienza al borgo per preservarlo e farlo tornare a splendere. Agli interventi hanno partecipato vari artisti in una comunione di antico e design. Il sindaco di Bagnoregio mise a disposizione Casa Greco, edificio di proprietà pubblica semi crollato negli anni 80. Oggi è possibile affittarlo e lo trovate con il nome “Casa d’Artista”. Non è a buon mercato, ma credo che soggiornare all’interno del borgo, in una casa fra design e cultura, ne valga la pena.

Civita di Bagnoregio diventa così, un po’ come Matera, un esempio per tutta l’Italia di come si possano rivalutare i nostri borghi, un patrimonio inestimabile, attraverso la cultura, l’arte e la promozione turistica.

Civita non muore più e, in fondo, non mi è mai piaciuta questa definizione perché non si può chiamare morta ciò che è pura bellezza.

Civita di Bagnoregio al tramonto

Non muore più perché è uno dei borghi più fotografati degli ultimi anni ma, purtroppo, necessita ancora di tante opere per combattere l’erosione che continua implacabile. Una corsa contro al tempo per farla rimanere viva.

Non pensate però ad un borgo abbandonato nonostante i suoi 8 abitanti. Civita è curata come un piccolo gioiello.

Ad accogliervi al vostro arrivo troverete Porta Santa Maria con le sue decorazioni con i leoni che schiacciano figure umane. Simboleggiano gli abitanti di Civita che schiacciano i tiranni.

Anche le case chiuse e non abitate sono ristrutturate e ci sono vasi di piante fiorite ad ogni finestra o accanto alle porte. Passeggiare per i suoi vicoli è una delizia per gli occhi.

Vista dal Giardino del Poeta

Vi consiglio di infilarvi in tutte le stradine per trovare i vari affacci sulla Valle dei Calanchi. Sublime è la vista che si gode dal “Giardino del Poeta”. In cambio di una piccola offerta o l’acquisto di uno dei prodotti dell’azienda agricola che ne è proprietaria, vedrete uno spettacolo unico!

La bellezza della Valle dei Calanchi

Così come vi consiglio di visitare Civita nel tardo pomeriggio quando i pullman dei tanti turisti se ne sono già andati e potrete gustarvela con più calma.

E poi il consiglio migliore: fate come me e fermatevi a cena in una delle taverne dove si mangia e beve benissimo.

All’uscita vi troverete dentro un presepe. In un borgo magico.

Civita di Bagnoregio di notte

Dove dormire?

Io ho dormito in un solo luogo, ma non ho nessun dubbio che tornerei di nuovo lì. A “Dopo il settimo cielo”, che già dal nome è una promessa. Un B&B di charme, una vera casa di famiglia dove le camere sono quelle delle figlie cresciute ed andate a vivere altrove. Tutto rimasto inalterato come inalterata è la bellezza della casa e del luogo. Non è dentro Civita, ma la sentirete molto vicina perché questo è il panorama che vi troverete davanti, a distanza di teleobiettivo, nel grande prato della casa.

Civita di Bagnoregio

Feste e sagre di Civita di Bagnoregio

Ogni stagione è bella per andare a Civita di Bagnoregio.

Ci sono però momenti particolari in cui assistere ad eventi speciali.

Il Venerdì Santo c’è la Processione del Cristo Morto che viene portato da Civita a Bagnoregio.

La prima domenica di giugno e la seconda di settembre c’è il Palio della Tonna.  I fantini che si contendono il Palio non montano cavalli ma asini. Devono girare in tondo sulla piazza del borgo per tre volte.

Per finire, da fine dicembre a inizio gennaio c’è il Presepe Vivente, un presepe nel presepe.

  1. Che bello trovare finalmente un articolo che parli di questo borgo come una città che, nonostante tutto, continua a vivere. Sei riuscita a farmi tornare la voglia di visitarla 😊

  2. E’ da un po’ di tempo che ho questa località nella mia wishlist solo che non essendo propriamente a due passi da casa, non ho ancora avuto occasione di visitarla. Da amante di Miyazaki però non posso davvero perdermela.

    1. Anche per me era molto fuori mano e non riuscivo mai ad andare. Ho colto l’occasione di abbinarla ad un weekend a Roma

  3. Che posto meraviglioso! Non lo conoscevamo e dobbiamo confessarti che, non appena letto il nome di Hayao Miyazaki, ci sono brillati gli occhi ancora di più. Lo segniamo assolutamente per una delle prossime gite, grazie per avercelo fatto scoprire.

  4. Fede ma quanto è bella Civita? Con questo tuo articolo sembra anche di poterla vedere! E poi il b&b che hai scelto regala una vista senza pari! Me lo segno, grazie mille!

  5. Davvero un gioiellino che insegna la resilienza di un posto. Ho sentito parlare molto spesso di Civita di Bagnoregio negli ultimi tempi e l’ho inserita tra i borghi da visitare in Italia.

  6. Mi piacerebbe tanto vederla. Non ne ho ancora avuto l’occasione ma deve essere davvero molto affascinante e particolare. Poi la vista mi sa che è magica. Speriamo che la natura sia clemente e che che la lasci ammirare ancora a lungo!

  7. Non ero proprio a conoscenza dell’esistenza di questo borgo ma mi attira moltissimo. Un posto che ha conosciuto il mescolarsi di vari popoli con le loro tradizioni e anche lingue. Bella la leggenda!

    1. Anch’io non ne avevo mai sentito parlare e l’ho scoperto quasi per caso un giorno che mio figlio non stava molto bene e non potevamo andare in spiaggia. Ci siamo messi in macchina e abbiamo esplorato un po’!

  8. Ci sono stata parecchi anni fa e l’ho adorata! Mi piacerebbe tornare per vederla avvolta dalla nebbia mentre galleggia in aria. Ho visto di foto ma vorrei godere dello spettacolo dal vivo

  9. Civita non muore più, hai ragione. Un borgo stupendo, che torno a visitare almeno una volta l’anno.
    Tra l’altro, credo sia una delle pochissime attrazioni turistiche nel Lazio a non esser fagocitate dalla vicinanza con Roma 😊

  10. Hai raccontato in modo affascinante un posto che sembra davvero essere meraviglioso. Spero proprio che i miei passi prima o poi mi portino in questa Laputa.

  11. Avendo parenti a Roma dove sovente sono “obbligata” ad andare a trovare, mi capita spesso di visitare questo luogo magico e pieno di fascino. Ogni volta è una esperienza unica e ricca di interessanti emozioni da vivere.

  12. Dopo averla visitata ricommento volentieri questo articolo: bella, magica e unica. L’unoca nota “stonata” secondo me è il pagamento dell’ingresso: non è per una questione di soldi in sè, ci manca, ma non capisco proprio perchè si deve pagare per visitare un luogo pubblico. Comunque la bellezza vanifica ogni polemica, è immensamente meravigliosa!

  13. Sono laziale, ma ancora non ho dedicato alla mia regione l’interesse che merita. Civita di Bagnoregio è un eccellenza dei nostri territori, assolutamente da visitare. Quest’anno ci dedicheremo proprio a questi borghi sospesi nel tempo a due passi da casa.

  14. Conosco questo luogo magnifico solo per le immagini che ho visto pubblicate e per le varie letture che fortunatamente ho avuto modo di fare. Credo sia una meraviglia da vedere e vivere. Purtroppo il Lazio è una regione che ho trascurato e l’aver perso un tale spettacolo è la mia punizione!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Alba a Matera: pura magia
L’alba a Matera: è di scena la magia