Il Parco delle Dune di Corralejo a Fuerteventura

Parco naturale delle Dune di Corralejo

Il Parco Naturale delle Dune di Corralejo si trova nel nord di Fuerteventura.

Visto dall’aereo appare come un pezzo di deserto africano che contrasta fortemente con la roccia scura del resto dell’isola e con il mare turchese.

In parte è coperto da dune di sabbia finissima. Dune in movimento che si rinnovano cambiando continuamente forma sotto l’influenza dei venti onnipresenti.

Dune di Corralejo

Arrivandoci al mattino presto, si potrà essere i primi a lasciare le proprie impronte sulle dune riformatesi nella notte. Una sensazione di scoperta vi pervaderà!

La cosa speciale di queste dune è che, pur avendo un aspetto desertico, finiscono invece in spiagge bianchissime bagnate dal mare cristallino.

Quello delle Dune di Corralejo è sicuramente uno dei paesaggi più belli da vedere a Fuerteventura.

Le dune sono costituite quasi interamente da materiale organico come gusci di molluschi e scheletri di organismi marini che si sono, nel corso dei secoli, polverizzati.

Le dune vennero chiamate Le Sable dai conquistatori normanni all’inizio del 1400. Il nome con cui vengono chiamate ora, El Jable, è un’ispanizzazione di quel nome.

In realtà il Parco delle Dune di Corralejo non è solo spiaggia e dune, ma comprende anche la grande colata lavica de Los Apartaderos e la Montagna Roja con il suo enorme cratere.

Purtroppo il Parco Naturale delle Dune di Corralejo non è un luogo incontaminato. In mezzo ci passa infatti la strada che congiunge il paese di Corralejo alla capitale Puerto del Rosario. Ci sono inoltre due enormi alberghi Riu costruiti sulla spiaggia prima che l’area diventasse un parco nazionale nel 1982.

La zona di dune più bella è poco più a sud di questi due alberghi proprio perché sono esclusi dal panorama. Lì potrete guardarvi intorno vedendo solo dune, cielo, nuvole e sullo sfondo la Montagna Roja.

Le dune di Corralejo sono belle a tutte le ore, ma al tramonto regalano una luce speciale e calde sfumature.

Le spiagge nel Parco delle Dune di Corralejo

All’interno del Parco delle Dune di Corralejo ci sono alcune fra le più belle spiagge di Fuerteventura.

spiaggia alle dune di Corralejo

Spesso denominate globalmente come Grandes Playas, in realtà nei nove chilometri di costa si susseguono diverse spiagge con un proprio nome. Nella parte nord, vicino ai due Riu Hotels, abbiamo le spiagge più lunghe. Una distesa di sabbia incredibilmente bianca. Essendoci più servizi, sono le spiagge più turistiche ed affollate. Spostandosi verso sud, sono sempre meno i servizi e le spiagge, molto più piccole, diventano più selvagge e deserte.

Se siete con i bambini, tenete presente che molte di queste spiagge sono frequentate dai nudisti. Inoltre, l’acqua qui è sempre mossa, con alte onde e forti correnti quindi non adatte ai bambini.

Sono tutte spiagge piuttosto ventose, ma ci sono frequenti muretti di pietra semi circolari contro cui ripararsi un po’. L’ombra è invece inesistente quindi portate con voi cappelli o tende e ombrelloni.

Ecco tutte le spiagge all’interno del Parco delle Dune di Corralejo partendo da nord e procedendo verso sud in direzione Puerto del Rosario.

Playa del Pozo

È la più vicina a Corralejo. È una spiaggia molto ventosa con acqua molto mossa. Ci sono diversi muretti circolari dietro a cui ripararsi. Molto frequentata dai nudisti. Qui si trova la scuola di Kitesurf e SUP Natural Sense.

Flag Beach

È un tratto di spiaggia selvaggia battuta dal vento costante dove è possibile fare windsurf, surf e kitesurf. Per questi sport c’è la scuola e noleggio attrezzatura Flag Beach. Servizi ridotti al minimo. Molto profonda, si ha la sensazione di essere circondati da sabbia infinita.

Playa di El Medano, Grandes Playas e Playa del Viejo

In rapida successione da nord a sud, formano una grande spiaggia. Playa del Vejo è forse la spiaggia più bella, con sabbia bianchissima e acque turchesi. Con un panorama frontale sull’isola di Los Lobos. Si trova davanti all’Hotel Riu Palace Tres Islas ed è frequentata soprattutto da chi vi soggiorna. Purtroppo l’hotel farà parte del vostro panorama. Non è molto caotica. Si possono affittare delle sdraio.

Playa del Bajo Negro

Situata davanti al Club Hotel Riu Oliva Beach, è la spiaggia più turistica. Anche perché ci sono diversi servizi: bar, ristoranti, parchi gioco, aree per lo sport, noleggio lettini e docce. Ad agosto è molto affollata.
A nord confina con la Playa del Caserón e a sud con Playa Larga. Tutte e tre insieme formano una lunghissima spiaggia di oltre un chilometro. Anche qui la sabbia è bianchissima e le acque turchesi.

Playa del Dormidero

È una spiaggia più piccola di sabbia dorata. Qui è più facile fare il bagno perché il mare è un po’ riparato dalle onde. Non ha molto servizi, ma c’è un chiringuito.

Playa del Moro

È abbastanza grande, ha solo il servizio di noleggio lettini, ma non c’è altro. È attaccata alla strada quindi è un po’ rumorosa. Non essendo per niente riparata è molto ventosa. È frequentata per fare surf grazie alle onde presenti. L’acqua è pulitissima.

Playa Alzada

È la spiaggia sull’estremo sud del parco ed è piuttosto piccola. Essendo molto vicina alla strada ed al parcheggio, è sempre abbastanza affollata. È di sabbia dorata con un’area rocciosa.

Per raggiungere le spiagge si può lasciare l’auto nei parcheggi lungo la strada all’altezza della spiaggia che volete raggiungere o accanto all’Hotel Riu Oliva Beach Resort. Il parcheggio accanto all’altro hotel è riservato solo per gli ospiti.

La Montaña Roja

La Montagna Roja è un cono vulcanico di 314 metri ben visibile quando ci si avvicina a Corralejo. È chiamata così per il colore rossiccio della sua roccia. Un terzo del suo cratere è sprofondato.

Il sentiero per salire la Montagna Roja è facile da trovare e non troppo impegnativo. La parte più difficile è la discesa perché si scivola facilmente. Sono comunque consigliate scarpe da trekking. Il sentiero inizia 200 metri prima dell’acquedotto situato a 3 minuti dalla strada principale. Serve circa un’ora e mezzo per andare e tornare.
Una volta arrivati in cima, con cielo limpido, si potrà godere di un incredibile panorama dall’alto che abbraccia le dune, il mare, l’isola di Los Lobos e Lanzarote.

Come avrete capito, se alloggerete a Corralejo, località principale per godersi il Parco delle Dune di Corralejo, o nei due hotel all’interno, potrete passare diversi giorni senza annoiarvi fra spiagge, dune e l’escursione alla Montagna Roja!

Quando andare a Corralejo a Fuerteventura

Tutti i mesi dell’anno sono ottimi per visitare Corralejo e le sue dune grazie al clima mite tutto l’anno. Nel periodo invernale in spiaggia non è sempre possibile stare in costume a causa del vento, ma se ci si ripara il sole scalda molto. L’acqua essendo oceano è fresca tutto l’anno.

Una buona occasione per visitare il Parco delle Dune di Corralejo è il Festival degli aquiloni che si svolge ai primi di novembre da più di trent’anni e attira amatori da tutta Europa. Di solito è il secondo weekend di novembre.

Come arrivare al Parco Naturale delle Dune di Corralejo

Arrivare alle Dune di Corralejo in auto

In auto è molto semplice. Partendo da Corralejo, per esempio sbarcando al porto da Lanzarote, prendete la FV-1 in direzione Puerto Rosario.
Arrivando invece da sud o da Puerto Rosario, dove si trova l’aeroporto, prendete la stessa autostrada in direzione nord per Corralejo. La strada passa esattamente al centro del parco.
È severamente vietato andare e parcheggiare sulla sabbia con l’auto. Ci sono tantissime aree parcheggio lungo la strada.

Arrivare alle Dune di Corralejo a piedi

Se non si dispone di un’auto le dune di Corralejo si possono raggiungere a piedi dal paese di Corralejo, in circa un’ora e mezza a seconda di dove volete fermarvi perché il parco è vasto.

Arrivare alle Dune di Corralejo in bicicletta

Basta un quarto d’ora per arrivare in bici all’inizio del parco. La bici si può noleggiare in paese o usufruire di quelle gratuite spesso messe a disposizione dal vostro hotel.

Arrivare alle Dune di Corralejo in autobus

Potete prendere l’autobus nr. 6 della compagnia Thiade che compie la tratta Corralejo – Puerto del Rosario. Qui gli orari dell’autobus per arrivare a Corralejo.

In alternativa potete prendere un taxi oppure, se il vostro hotel ne è provvisto, una navetta.

Faccio presente comunque che Fuerteventura è un’isola dove noleggiare un’auto costa davvero poco e ne vale la pena per esplorare tutta l’isola!

  1. Wow!!! In questo momento ci piacerebbe proprio lasciare le nostre impronte tra la sabbia delle dune di Collaejo alle prime luci dell’alba!!
    Il deserto che si unisce al mare crea davvero un colpo d’occhio meraviglioso!
    Grazie per tutte queste interessantissime informazioni!

  2. Un bellissimo articolo! E poi a queste spiagge sono legati dei ricordi davvero incancellabili! In questo momento, vorrei essere lì!

    Un abbraccio immenso
    Mimi

  3. Che spettacolo! Sai che ci sto facendo un pensierino? Naturalmente per la bellezza del posto ma anche per il fatto che le Canarie sono tra i posti in cui si potrà viaggiare più o meno liberamente (o forse è già possibile farlo).
    Peccato per i due alberghi che rovinano in parte il paesaggio!

  4. E’ da tempo che ho Fuerteventura in lista, e spero davvero di riuscire a farci un salto in autunno. Vedo moltissime foto strepitose di queste zone, e mi piacerebbe davvero esplorarle dal vivo. Grazie alla tua guida sarà semplice organizzare la visita.

  5. Fuerteventura è nella mia travel wishlist e appena questa emergenza sanitaria sarà finita, quest’isola delle Canarie sarà uno dei primi posti che visiterò. Mi affascinano moltissimo queste dune di sabbia.
    Due anni fa sono stata a Lanzarote (me ne sono completamente innamorata). Credo che anche Fuerteventura mi piacerà moltissimo. Non sapevo del festival dell’aquilone… chissà che meraviglia vedere il cielo pieno di macchie di colore.

  6. Uno dei miei posti del cuore, Fuerteventura!! Ci sono stata 7 volte, per ora :)! e ogni volta non manco di tornare sulle Dune, è un’attrazione irresistibile, sin da quando mia figlia era piccola,e amava arrivare fino in alto e rotolare giù! come adesso che è un’ adolescente!!
    Camminare sulle Dune di Corralejo è meraviglioso, a me di solito piace fermarmi poco oltre gli ecomostri Riu, dove sono più alte e da lì arrivare fino al mare, che è veramente azzurro e cristallino; ma anche andare dalla parte opposta della strada, verso la montagna è super affascinante!
    Al tramonto la luce rende il paesaggio magico, adoro quella strada che le attraversa, e Playa Alzada è la mia preferita: sono stata fortunata ad averla vista poco affollata e anche quella è un must ogni volta che vado, soprattutto bellissima anch’essa, al tramonto!

  7. Questi paesaggi sono davvero spettacolari! Ho sentito tanto parlare di queste zone, ma non ho avuto ancora modo di esplorarle. Spero di poterlo fare al più presto! L’unica paura (se così vogliamo chiamarla)? Il vento! Lo odio… è troppo fastidioso. E te lo dice una salentina che ha vissuto per 30 in Salento dove i forti venti sono all’ordine del giorno😅

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altre storie
Santo Stefano di Sessanio
Santo Stefano di Sessanio, dove il tempo si è fermato